Cerca nel Blog

Legal & General: batterie sono un investimento “carico” di opportunità

Scritto il alle 15:53 da Redazione

A cura di Aanand Venkatramanan, Head of ETF Investment Strategies di Legal & General Investment Management (LGIM)
Nelle batterie i poli positivo e negativo si bilanciano. Ma quando si parla di investimenti, gli aspetti positivi possono superare, e di parecchio, quelli di segno contrario.

I nuovi sviluppi nella tecnologia delle batterie stanno cambiando profondamente le nostre vite, dai trasporti, alle applicazioni stazionarie come le memorie di backup fino al modo in cui conserviamo e utilizziamo l’energia nel pianeta.

L’innovazione avviene lungo tutta la catena del valore: sono stati fatti progressi significativi per migliorare la densità di energia, il prezzo, la durata e la sicurezza delle batterie mitigando al contempo l’impatto sull’ambiente.

Attualmente, rileva un report di Strategen Consulting LLC, la tecnologia delle batterie agli ioni di litio, utilizzati per la produzione di batterie molto efficienti, è diventata il punto di riferimento del mercato e sta avendo un effetto dirompente sia sul settore dei trasporti sia sul mercato dell’energia elettrica, due delle industrie a più alta intensità di carbonio del mondo.

Le batterie sono anche un catalizzatore per il settore dell’energia rinnovabile – come quella eolica, solare, idroelettrica e geotermica – perché permettono di risolvere il problema della sua discontinuità. Questi dispositivi sono in grado di accumulare l’energia durante le fasi di basso utilizzo e rilasciarla durante i picchi.

Il mercato globale delle batterie sta crescendo a un ritmo composto medio (CAGR) del 17% e, secondo le stime, nel 2025 potrebbe raggiungere i 93 miliardi di dollari americani. Entro il 2028 la produzione di batterie potrebbe aumentare drasticamente fino a superare 1 terawattora.

Il calo dei prezzi registrato negli ultimi anni è uno dei fattori alla base di questi numeri: nel 2010 in media un pacco batteria agli ioni di litio costava circa $1.000/kWh; nel 2017 il suo prezzo è sceso sotto i $200/kWh e si presume diminuirà ancora fino all’incirca ai $94/kWh entro il 2024. (Fonte: Bloomber New Energy Finance).

I 2 driver della crescita futura
Nei prossimi decenni la domanda di batterie è destinata a crescere innanzitutto sulla scia dell’aumento dei veicoli elettrici che dovrebbero conquistare un’ampia quota del mercato delle autovetture.

Anche le reti elettriche vedranno un maggiore utilizzo delle batterie nei prossimi anni. Le batterie favoriscono l’adozione delle energie rinnovabili a livello mondiale e le politiche dei governi a sostegno di questa evoluzione stanno determinando un aumento della capacità di grid storage.

L’opportunità di investimento
Quando si investe in megatrend disruptive sono due, sostanzialmente, i fattori che andrebbero considerati: da una parte la sostenibilità e la crescita dei business nel tempo, dall’altra la potenziale crescita del valore delle società del settore.

Nel complesso, assistiamo a una tendenza sempre maggiore tra gli investitori in Europa a favore di strategie di investimento tematiche, come evidenziano i maggiori flussi registrati in questi strumenti, e l’Italia non fa eccezione.

Guardando nello specifico al settore delle batterie, riteniamo che sia importante investire nell’intera catena del valore. Cioè nelle aziende che offrono tecnologie di stoccaggio dell’energia elettrochimica (come le batterie) e nelle società estrattive che producono i metalli utilizzati per la fabbricazione delle batterie.

Si tratta chiaramente di trend emergenti, che impiegheranno dieci o vent’anni per raggiungere la piena maturità, e che non sono esenti da rischi.

Noi ci avvaliamo proprio per questo di esperti del settore che ci permettono di definire al meglio il perimetro dell’investimento e di accedere a dati proprietari e studi approfonditi su questi temi. Così possiamo costruire un portafoglio trasparente e diversificato a partire da una strategia di investimento basata su regole ben definite.

Il nostro L&G Battery Value-Chain ETF è concepito per replicare la performance dell’indice Solactive Battery Value-Chain, che offre esposizione a un paniere globale di aziende di piccole, medie e grandi dimensioni. Per garantire che tutte le società nella catena del valore della batteria siano rappresentate a sufficienza, l’indice adotta una metodologia di equa ponderazione.
In conclusione, nuove forze competitive, i progressi tecnologici e l’evoluzione delle abitudini dei consumatori continuano a rimodellare e cambiare molte industrie tradizionali. Cambiamenti epocali da cui gli investitori possono trarre vantaggio attraverso strategie di investimento specifiche e dedicate.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0 (from 0 votes)
Nessun commento Commenta

Consulta l’archivio ETFNews
Iscriviti all’ETF News

Per ricevere la rubrica settimanale sulla tua email clicca qui per registrarti

App per iPad gratuita

Vai su Itunes e scarica l'app di EtfNews. Resta sempre aggiornato consultando anche lo storico del magazine. All'interno anche il flusso notizie di Finanza.com