Viaggio in Malesia e Thailandia con gli ETF. Arriva anche il primo short sugli Emergenti

  • Print
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Google Buzz
  • LinkedIn
  • Live
  • PDF

Al ribasso sui mercati emergenti. E’ l’opzione offerta dal nuovo ETF targato Deutsche Bank e sbarcato settimana scorsa  mercato ETFPlus di Borsa Italiana insieme ad altri 12 fondi. Il db x-trackers MSCI Emerging Markets Short Daily Index rappresenta una novità assoluta per il mercato domestico offrendo agli investitori la possibilità di prendere una esposizione ribassista su uno dei principali benchmark dei mercati emergenti. L’ETF è collegato inversamente alla performance dell’indice MSCI Emerging Markets Total Return in quanto ad una variazione giornaliera negativa dell’indice sottostante si rifletterà una speculare variazione positiva dell’indice Short e viceversa. L’ETF è a capitalizzazione dei dividendi e prevede un TER pari allo 0,95%. I rendimenti di questi ETF sono resettati giornalmente, pertanto per lassi di tempo superiori al giorno i riscontri possono discostarsi da quelli degli indici sottostanti.
L’MSCI Emerging Markets, indice composto da oltre 370 azioni di 21 Paesi emergenti, presenta una prevalenza delle azioni cinesi (17,37%), seguite da brasiliane (15,92%) e sudcoreane (14,16%). A livello settoriale i titoli finanziari incidono per il 23,75%, seguiti da energetici (15,70%) e risorse di base (14,06%). Questi tre settori ciclici vanno così a pesare per oltre il 48% sull’intero indice rendendo l’MSCI EM molto sensibile all’andamento del ciclo economico e all’evoluzione dei prezzi delle materie prime, risultando pertanto maggiormente volatile in fasi di debolezza dei mercati.
“La quotazione su Borsa Italiana del primo ETF azionario Short sui mercati emergenti, unito alla quotazione degli ETF su Malesia e Thailandia, offre agli investitori la possibilità di diversificare il proprio portafoglio ed attuare diverse strategie di investimento in qualunque situazione di mercato, sia al rialzo che al ribasso”, è il commento di Mauro Giangrande, responsabile db-X Financial Products per l’Italia.
Le altre novità: ETF su Malesia e Thailandia e 10 ETF settoriali globali
Per chi vuole cogliere le opportunità offerte dai singoli mercati emergenti, Deutsche Bank ha lanciato due ETF con sottostanti rispettivamente l’MSCI Thailand e l’MSCI Malaysia. Il db x-trackers MSCI Thailand TRN Index è il primo ETF su Borsa Italiana che riflette la performance delle società thailandesi a media ed alta capitalizzazione. Al 1 aprile risultano 22 i componenti dell’indice sottostante che rappresentano l’85% della capitalizzazione totale del mercato azionario tailandese. nell’ultimo anno l’indice MSCI Thailand ha messo a segno un progresso del 43%, performando decisamente meglio rispetto alla media dei mercati emergenti. L’ETF è a capitalizzazione dei dividendi ed ha un TER di 0,50% per anno.
Il db x-trackers MSCI Malaysia TRN Index riflette invece la performance delle società malesi a media ed alta capitalizzazione. I componenti dell’indice sottostante risultano 40 coprendo circa l’85% della capitalizzazione totale del mercato azionario malese. Negli ultimi dodici mesi ha messo a segno un progresso del 28%. Il TER dello 0,50% per anno, così come quello dell’ETF sulla Tailandia, risultano i più bassi tra gli ETF focalizzati su mercati emergenti.
C’è infine la quotazione di una nuova gamma di 10 ETF settoriali mondiali, con sottostanti altrettanti indici di comparto elaborati dalla MSCI. Gli indici settoriali fanno parte della famiglia degli “MSCI Global Sector Indices” che comprende una serie di indici ponderati in base alla capitalizzazione di mercato e che mirano a riflettere il rendimento dei titoli azionari di società di 24 paesi sviluppati di Europa, Nord America, Asia e Oceania. Tutti gli ETF di nuova emissione sono di tipo total return, con i dividendi delle società che vengono quindi reinvestiti all’interno del fondo. Per poter essere inclusi negli indici i titoli devono rispettare alcuni parametri fissati secondo la Global Industry Classification Standard (GICS). La dimensione delle emissioni determina anche il peso che ciascun titolo ha all’interno del paniere ed il ribilanciamento degli indici avviene su base trimestrale. ETF sui settori mondiali erano già presenti a Piazza Affari con la gamma di 10 Lyxor ETF sbarcati a Milano lo scorso autunno e che presentano come sottostanti gli stessi indici settoriali Msci Global Sector.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 8.7/10 (3 votes cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: +2 (from 2 votes)
Viaggio in Malesia e Thailandia con gli ETF. Arriva anche il primo short sugli Emergenti, 8.7 out of 10 based on 3 ratings

I commenti sono chiusi.